Scontro frontale tra il Consiglio Provinciale torinese e il Ministro Gelmini

31/10/2008 - Il Consiglio provinciale aperto sulla riorganizzazione delle scuole si è concluso questa sera con l'approvazione, a maggioranza, di un ordine del giorno in cui si chiede il ritiro del "piano programmatico" del Ministro Gelmini e dei decreti legge per dare spazio a un ampio confronto con le Regioni, le associazioni di categoria e sindacali, le scuole e le università, assicurando nel contempo assistenza alle comunità locali che si trovino in difficoltà.

L'approvazione del documento, cui le forze dell'opposizione hanno contrapposto un ordine del giorno in cui si chiedeva al Consiglio provinciale di condividere la riforma scolastica promossa dal Governo, è stata oggetto di un articolato dibattito. Il Presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta è intervenuto ribadendo che "la contestazione di oggi coinvolge ampi settori della società e non è una semplice strumentalizzazione politica da parte del centrosinistra" e ha sottolineato che "non è immaginabile che un settore così strategico per la vita democratica com'è la scuola debba limitarsi a ricevere comunicazioni su cosa si deve fare e non sia coinvolto nella discussione dei provvedimenti".





Questo è un articolo pubblicato il 31-10-2008 alle 01:01 sul giornale del 31 ottobre 2008 - 400 letture

In questo articolo si parla di scuola, politica, Laura Puro, Provincia di Torino, riforma gelmini, articolo